VIDEOSORVEGLIANZA

Un sistema di videosorveglianza è costituito da una o più telecamere che, opportunamente collegate ad una postazione monitor, forniscono in tempo reale al personale preposto alla sorveglianza immagini dell’area da controllare e di eventuali eventi sospetti. Le stesse telecamere possono essere collegate ad apparecchi di registrazione al fine di poter rivedere le immagini in un secondo tempo. Attraverso una semplice connessione internet è inoltre possibile controllare da un computer remoto il proprio sistema videotelevisivo oppure inviare le immagini in tempo reale ad istituti di vigilanza privati, i quali provvedono anche alla registrazione dei dati.

COME SCEGLIERE UN IMPIANTO

La prima regola nella scelta del giusto sistema TVCC è quella delle unità di ripresa, e in particolare della risoluzione video del sensore. E' fondamentale trovare il giusto compromesso fra campo di visuale e dettaglio: più visuale richiedo, meno precisione in registrazione ottengo. E viceversa. Il classico esempio è quello del sig. Rossi: il nostro cliente desidera una sola telecamera con registratore che riprenda tutto il giardino e sceglie un’ottica 3mm (grandangolare). Questa telecamera riprenderà sicuramente tutto il giardino, però non servirà a nulla, sarà solamente una spesa inutile. Perché? Nella registrazione, in caso di intrusione sospetta, riusciremo a vedere solo un agglomerato di pixel irriconoscibile che si muove in giardino.

POSIZIONI DI INSTALLAZIONE

La posizione delle telecamere deve essere possibilmente dall'interno dell'edificio verso l'esterno o verso il perimetro, quindi installate su una parete.

COLORI, BIANCO E NERO E OTTICA

Se la luminosità è scarsa è tassativo utilizzare telecamere in bianco e nero con almeno 0,08 Lux. Una discreta telecamera a colori costa di più di un'ottima telecamera in bianco e nero. Inoltre il sensore ottico a colore difficilmente riesce a vedere con scarsità di luce. Volete comunque utilizzare una telecamera a colori senza compromessi per la visione notturna? Fanno al caso vostro le telecamere day/night. Queste telecamere commutano da "a colori" in "bianco e nero" quando la luminosità diminuisce. Ciò è possibile grazie ad un particolare filtro IR posto all'interno della telecamera.

REGISTRARE LE RIPRESE

Anche il sistema di registrazione determina la qualità delle immagini. Alcune caratteristiche da tenere ben presenti: la possibilità di registrare solo su movimento nell'area di ripresa, la semplicità d'utilizzo, il tipo di esportazione immagini, il numero di telecamere registrabili, la connettività (LAN, modem…ecc), infine, la più importante, la velocità di acquisizione e cioè il numero di fotogrammi massimo che il sistema può registrare.

IL MARKER

Molto spesso accade che le persone si lascino convincere da false credenze, si presuppone che un qualsiasi evento criminale ripreso da una qualsiasi telecamera comporti un’identificazione del malfattore, semplicemente con la consegna delle immagini registrate alle Forze dell'Ordine. Non è così: ogni immagine per costituire prova di reato deve essere originale, non manipolata, e soprattutto avere il Marker. Il Marker immagine è una particolare firma digitale proveniente dal codec di registrazione, che garantisce l'originalità della stessa. Tale certificato lo si può ottenere utilizzando solo sistemi professionali. Perciò diffidate da chi vi propone registratori digitali a prezzi stracciati: potrebbe capitarvi di spendere qualche migliaio di euro per poi avere tra le mani un sistema inservibile.

Alcuni dei nostri fornitori: